Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.

Introduzione

Le istituzioni giudiziarie – insieme con altre istituzioni non maggioritarie, come le autorità indipendenti – stanno acquisendo un peso sempre maggiore nella politica e nella società degli stati dell'Unione Europea. Infatti, la diminuzione della fiducia dei cittadini nelle istituzioni rappresentative – fenomeno comune a molte democrazie avanzate – è andata di pari passo con l'aumento di una domanda di policy e di gestione di conflitti o soluzione di problemi orientata verso altre istituzioni.

In questo contesto, il sistema giudiziario è divenuto il collettore di domande di giustizia sempre più pressanti e sempre più complesse, quando non, soprattutto nel caso dell'UE, a carattere intrinsecamente transnazionale.
A questa espansione della domanda ha corrisposto anche un aumento della visibilità del sistema giustizia. In particolare, siamo dinnanzi ad una funzione dello Stato che è diventata, specie nel caso della giustizia penale, oggetto di continuo interesse da parte dei media, anche se con variazioni significative fra i diversi paesi dell'UE.
Infine, ma non senza importanza, lo sviluppo delle carte dei diritti fondamentali e l'aumento della conflittualità inter-istituzionale hanno creato un terreno fertile per una espansione dell'agenda delle corti, in particolare di quelle costituzionali.
Queste ragioni fanno sì che l'osservazione delle caratteristiche istituzionali, organizzative e professionali dei diversi sistemi giudiziari, nonché la ricostruzione della loro agenda, sia diventata un terreno di ricerca particolarmente promettente per comprendere le dinamiche di cambiamento delle nostre democrazie.

L'osservatorio ha come principale obiettivo quello di sviluppare una conoscenza empirica e comparata del funzionamento dei sistemi giudiziari e delle politiche di riforma della giustizia nelle diverse aree attraverso la collaborazione fra studiosi italiani e stranieri e fra attori qualificati del settore.

La nascita del centro si inquadra all'interno delle attività di ricerca del programma CriEc&Demo. Just-Europe intende infatti occuparsi di:

  1. Analizzare le istituzioni giudiziarie, le regole che ne definiscono l'accesso, nonché i meccanismi di reclutamento, formazione e carriera del personale togato e amministrativo che vi opera;
  2. Analizzare il peso relativo che le istituzioni di garanzia – non solo quelle giudiziarie in senso stretto, ma anche, ad esempio, le corti costituzionali, le corti dei conti, i consigli di Stato – hanno acquisito o possono acquisire rispetto alle istituzioni di rappresentanza politica;
  3. Monitorare i dati di sondaggio che rilevano l'andamento della fiducia nelle magistrature e nelle istituzioni di garanzia;
  4. Valutare la formazione e l'impatto delle politiche giudiziarie, specie in condizioni di crisi economica; 

Risorse

Just-Europe è una iniziativa che si inquadra nell'ambito della implementazione del programma di ricerca CriEc&Demo, finanziato dal MIUR come progetto di ricerca di interesse nazionale e che nel settore della giustizia coinvolge, oltre la LUISS, l'Università di Bologna. Inoltre, Just-Europe si avvale delle risorse di carattere comunicativo, scientifico e collaborativo che sono state costruite nel corso degli ultimi quattro anni dal team di ricerca sulla giustizia dell'Università di Bologna attraverso la realizzazione del progetto europeo Menu for Justice, finanziato dal programma LifeLong Learning Program 2009.
Just-Europe si avvale inoltre di una rete di contatti con studiosi e di practitioners situati in diversi Paesi europei e non. In particolare, con il Montaigne Centre for Judicial Administration and Conflict Resolution delll'Università di Utrecht, l'Institut des Hautes Etudes sur la Justice di Parigi, il Centre for Socio-Legal Studies dell'Università di Oxford, il Centro di criminologia dell'Università di Toronto, il Centro de Estudos Sociais dell'Università di Coumbra, il dipartimento di Scienza politica della Texas Christian University e l'Università Diego Portales di Santiago del Cile. 

Le aree di ricerca

  • Le aree di ricerca da sviluppare nell’immediato sono:
  • I rapporti fra indipendenza della magistratura e responsabilità e accountability dei magistrati e del sistema giustizia
  • La gestione degli uffici giudiziari e i caratteri della professionalità dei magistrati e del personale amministrativo
  • Lo sviluppo di standard europei di qualità della giustizia e il ruolo dei network giudiziari
  • Il ruolo della giustizia costituzionale nelle democrazie avanzate.